FiorenzuolaToday

In Comune nuove assunzioni. Marchetta (Pd): «No programmazione, solo reazioni a pensionamenti e licenziamenti»

L'assessore al Bilancio Minari: «Sfruttato tutto il budget a disposizione. Serve una regia provinciale sui concorsi pubblici». Mainardi (Sinistra per Fiorenzuola): «Numero inedito di dipendenti che sono andanti a lavorare altrove»

Foto di repertorio

Il Comune di Fiorenzuola assume nuovo personale ma per il Pd «non si tratta di programmazione ma di uno sfruttamento alle opportunità che si sono verificate: qualcuno va in pensione, lo si sostituisce». Il consigliere di minoranza Carlo Marchetta ha definito così le “manovre” dell’Amministrazione in tema assunzioni, illustrate nell’ultimo Consiglio comunale dall’assessore al Bilancio Marcello Minari. «Abbiamo aggiornato nel Dup (Documento unico di programmazione, nda) il Piano di fabbisogno del personale del 2021: qualcuno approfittando della Quota 100 andrà in pensione a fine anno. Nel 2021 verranno assunti: un istruttore contabile di categoria D per il Servizio economico-finanziario, un istruttore amministrativo categoria D per l’anagrafe con concorso interno, due agenti di polizia Locale categoria C». Per questi ultimi due stiamo procedendo in questi giorni con bandi di mobilità per sondare la reperibilità di agenti da altri enti. «È prevista l’assunzione a tempo indeterminato di due assistenti sociali, di un istruttore direttivo pedagogista e di un funzionario di categoria D3 per il Servizio cultura: la persona ad oggi incaricata il 31 dicembre andrà in pensione. Lo sblocco delle assunzioni ha permesso alle pubbliche amministrazioni di bandire concorsi, se non procediamo anche noi tempestivamente a stabilizzare e cercare di assumere questi profili, a tempo indeterminato, si perderebbe tutto il know-how maturato in questi anni». Minari ha poi spiegato che «la spesa per il fabbisogno del personale in approvazione è pari a due milioni e 740mila euro: la nostra programmazione assunzionale sfrutta tutto il budget economico a disposizione».

«Non è un’idea di strategia reagire a ciò che accade (pensionamenti e licenziamenti, nda)», ha detto Marchetta. «Non avremmo fatto alcun tipo di programmazione – è intervenuto nuovamente Minari -  ma in tre anni abbiamo assunto nove agenti di polizia Locale e purtroppo ci troviamo a rincorrere il fatto che alcuni di loro nel periodo di prova di sei mesi se ne sono andanti in quanto è una loro possibilità farlo anche senza preavviso. Poi le normative che regolano il pensionamento consentono ai dipendenti di fare valutazioni insieme ai patronati dal punto di vista previdenziale e può accadere che qualcuno decida di andare in pensione a un mese dal termine del pensionamento. In questi casi non si può fare altro che reagire». Un altro problema secondo Minari sono i concorsi pubblici: «Facciamo i conti con una scarsa partecipazione ai bandi di concorso, serve una regia provinciale altrimenti queste operazioni risultano difficili se ogni ente locale si muove per conto proprio». Il consigliere Nando Mainardi (Sinistra per Fiorenzuola), ha invitato a riflettere sul «numero inedito, in questi anni, di dipendenti del Comune di Fiorenzuola che si sono licenziati per andare a lavorare altrove tramite nuovi concorsi o bandi di mobilità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento