rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità

Comunicazione, dalla Provincia un supporto ai Comuni

Gazzola, Gragnano Trebbiense, Morfasso e Vernasca i primi a stipulare la convenzione per avvalersi della collaborazione dell’Ente

Gazzola, Gragnano Trebbiense, Morfasso e Vernasca sono i primi quattro Comuni del territorio che hanno deciso di avvalersi della collaborazione dell'Ufficio comunicazione della Provincia di Piacenza, grazie alla nuova opportunità offerta dallo schema di convenzione approvato lo scorso 29 aprile dal Consiglio Provinciale.

La convenzione - che ad oggi può essere stipulata con un numero massimo di 15 Comuni (o Unione di Comuni) - prevede l'organizzazione, da parte dell'Ufficio comunicazione dell’Ente di Corso Garibaldi, di tre conferenze stampa all'anno (in presenza o in via telematica) accompagnate dai relativi comunicati e da ulteriori cinque comunicati per la diffusione di notizie che non richiedono lo strumento della conferenza stampa: i Comuni aderenti possono in questo modo usufruire del supporto della Provincia per promuovere le loro principali iniziative di carattere turistico, culturale, sportivo e di valorizzazione territoriale e i loro più rilevanti progetti pubblici di interesse sovracomunale.

Si tratta di una significativa possibilità derivante dalle indicazioni contenute nel Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali), nella Legge Regionale dell'Emilia Romagna n. 13 del 30 luglio 2015 sulla Riforma del governo regionale e nella Legge 7 giugno 2000, n. 150 "Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni": gli enti locali possono stipulare tra loro apposite convenzioni al fine di svolgere in modo coordinato determinati servizi, tra i quali rientrano anche l’informazione e comunicazione istituzionale. 

La legge 7 aprile 2014 n.56 c.d. "Delrio", che ha riformato le Province trasformandole in Enti di secondo livello, ha riconosciuto loro un ruolo di coordinamento, supporto e assistenza ai comuni ricompresi nel territorio provinciale: la Provincia di Piacenza ha deciso di svolgere tale ruolo anche offrendo ai Comuni la possibilità di avvalersi del proprio Ufficio comunicazione (composto da un giornalista iscritto all’albo e da personale amministrativo) per garantire una efficace e tempestiva comunicazione, attraverso i media, delle principali iniziative e progetti messi in campo dai Comuni stessi sprovvisti di dipendenti iscritti all'Ordine dei giornalisti.

In considerazione dell’avvio in forma sperimentale della collaborazione, il servizio sarà fornito gratuitamente fino al 31.12.2021 ai Comuni che sottoscriveranno l’accordo, che avrà termine il 31.12.2022. 

Dal primo gennaio 2022, il Comune dovrà sostenere un costo fisso annuo, anch’esso definito in via sperimentale, che varia in base alla fascia demografica di appartenenza: per i comuni con meno di 1000 abitanti, l’importo è pari a 100 euro; per i comuni tra 1000 e 5000 abitanti, l’importo è pari a 300 euro; per i comuni con più di 5000 abitanti, l’importo è pari a 400 euro.

Il presidente della Provincia di Piacenza, Patrizia Barbieri, sottolinea che «con questa convenzione si rafforza ulteriormente la sinergia tra la Provincia di Piacenza e i Comuni, nel solco di un rapporto sempre più stretto e fattivo tra gli enti del territorio. I servizi offerti dall’Ufficio comunicazione dell’Ente garantiranno ai Comuni un ausilio nella diffusione delle notizie relative alle loro principali iniziative e nei rapporti con i media piacentini, che svolgono un ruolo insostituibile a vantaggio della nostra comunità».

Secondo il primo cittadino di Morfasso, Paolo Calestani, «i Comuni di montagna come il nostro, piccoli come numeri ma grandi come estensione territoriale, hanno pochi impiegati e quindi non riescono ad occuparsi da soli di ogni aspetto della comunicazione. Per aiutarci a rendere note le nostre iniziative sarà pertanto un valore aggiunto il contributo della Provincia, che è un importante punto di riferimento al fianco dei Comuni».

Il sindaco di Gazzola, Simone Maserati, spiega che «con la Provincia esiste già una buona sintonia, che viene confermata dalla stipula di questa nuova convenzione. Si tratta di una preziosa opportunità per i Comuni che dispongono di pochi dipendenti e di risorse economiche limitate, già impegnate su più fronti: i servizi offerti dall'Ufficio comunicazione della Provincia potranno costituire un sostegno utile per migliorare l’informazione sull’attività svolta e per la valorizzazione del territorio».

Per il primo cittadino di Vernasca, Giuseppe Sidoli, «questa convenzione è un esempio concreto di come la Provincia possa effettivamente caratterizzarsi come ‘Casa dei Comuni’. Difficilmente i piccoli comuni possono disporre di risorse umane dedicate in via esclusiva alla comunicazione: poter usufruire delle professionalità degli Uffici della Provincia è pertanto un fatto positivo, che ci ha fatto aderire con convinzione all’iniziativa».

L’approvazione dello schema di convenzione sarà all’ordine del giorno, a fine mese, anche nel Consiglio comunale di Gragnano Trebbiense: «Già qualche anno fa - ricorda Patrizia Calza, sindaco di Gragnano Trebbiense - avevo chiesto di ragionare su un’iniziativa di questo tipo, sia a beneficio dei Comuni piccoli (che hanno maggiore difficoltà a presentare le proprie iniziative) sia per agevolare i media locali nel loro lavoro. Poter usufruire del supporto dell’Ufficio comunicazione della Provincia conferma il ruolo di supporto dell’Ente ai Comuni, che tramite questa apprezzabile opportunità potranno ulteriormente valorizzare gli eventi più significativi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunicazione, dalla Provincia un supporto ai Comuni

IlPiacenza è in caricamento