menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

«Mille vaccini al giorno a Fiorenzuola e Castello», Ausl cerca i luoghi più idonei

A Fiorenzuola l'ex macello è troppo piccolo, serviranno spazi da almeno 400 metri quadri: ipotesi palestre o spazi privati

Mille vaccinazioni anti-Covid al giorno anche a Fiorenzuola e a Castelsangiovanni, oltre che a quelle in città, sono quelle che l'Ausl intende somministrare alla popolazione. In città il luogo individuato per le vaccinazioni di massa è il Polo di Mantenimento Pesante Nord, l’ex Arsenale, mentre in provincia, nei capoluoghi della Valdarda e della Valtidone, serviranno due spazi da almeno 400 o 450 metri quadri. A fare il punto è il direttore sanitario di Ausl, Guido Pedrazzini: «Potrebbero essere palestre messe a disposizione dalle Amministrazioni oppure anche spazi di proprietà privata con superficie lavabile: a Fiorenzuola ad esempio sono già stati presi contatti con una residente che ha a disposizione un capannone ristrutturato nella zona dell’ospedale. In settimana andremo a Castelsangiovanni e contiamo, entro fine mese di individuare i luoghi idonei ad ospitare i centri vaccinali, per partire dal 20 febbraio anche nei due capoluoghi».

Il direttore generale di Ausl Luca Baldino, qualche settimana fa in una conferenza stampa aveva annunciato che sarebbe stato l’ex macello di Fiorenzuola, dal 12 gennaio destinato a centro prelievi, la sede per la vaccinazione di massa ma «è un luogo troppo piccolo per ospitare il flusso di persone previsto per l’avvio della campagna vaccinale alla popolazione», ha detto Pedrazzini insieme alla vicesindaco di Fiorenzuola Paola Pizzelli. «Si spera in un sistema misto per la somministrazione delle dosi, tra Azienda Usl e medici di medicina generale – ha spiegato il direttore sanitario -. Ci stiamo preparando per vaccinare tra le 12 e 14 ore al giorno e ogni ora ogni box riuscirà ad accogliere 12 persone. Da metà febbraio, in base alla disponibilità delle case farmaceutiche e della continuità dei vaccini, contiamo di entrare nella seconda fase delle vaccinazioni raggiungendo la popolazione dagli over 65 in su e successivamente, nella fase, 3 il personale scolastico e la restante parte della popolazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento